La Locanda di Elva Hans Clemer San Pancrazio

Storico bar – punto ristoro nel cuore di Elva, in Borgata Serre Capoluogo. Conosciuta anche con il nome Locanda San Pancrazio, il soldato romano martire della legione tebea e protettore di Elva, oppure Locanda Hans Clemer, dal pittore del Marchesato di Saluzzo che qui nel XV secolo realizzò il magnifico ciclo di affreschi della chiesa parrocchiale.
La locanda si affaccia sulla piazza panoramica di Elva: a sinistra il Municipio, con il portico dove un tempo si svolgeva il mercato, più indietro la Parrocchiale isolata su un poggio con il suo campanile, sullo sfondo l’abbraccio delle montagne.
La costruzione in tempi lontani era la Canonica: poche camere, “la stalla con la mucca, una capra e qualche gallina” si legge in un vecchio documento, che servivano ” con l’orto, per il sostentamento del reverendo parroco, e un mulo utile per i suoi spostamenti”. Negli anni l’edificio è radicalmente cambiato e migliorato, trasformato da un parroco lungimirante in Convitto Alpino; c’è una insegna, sbiadita, sul retro, che lo ricorda.
La nuova gestione ha riadattato con gusto la zona bar-ristorazione, le quattro camere, mentre il Posto Tappa continua a svolgere la sua funzione di rifugio per gruppi di escursionisti. Aperto tutto l’anno, la sala da pranzo offre una settantina di posti a sedere: i più all’interno, con molti tavoli a ridosso di grandi vetrate dalle quali si gode uno spettacolo unico, in un panorama delle montagne d’Elva che assomiglia a un piccolo paradiso per la sua bellezza. Altri tavoli all’esterno, alcuni su un terrazzino belvedere, mentre gli ombrelloni vi proteggeranno dal sole.
Potrete gustare taglieri di affettati e formaggi, oppure godervi un pranzo, scegliendo tra vari antipasti, i primi, i secondi e non perdete i dolci della casa. Ampia scelta di vini. Tutti i prodotti sono locali, provengono cioè della Valle, potrete quindi scoprire piatti caratteristici, preparati seguendo antiche ricette: la polenta, le ravioles, l’agnello sambucano… Ed assaggiare la famosa “tuma d’Elva” che nasce proprio a borgata Serre, a pochi metri dalla Locanda, in un caseificio gestito da una vecchia e nota famiglia elvese, contadini e allevatori di mucche che vedrete pascolare nei prati, spesso con i loro vitellini, durante le vostre passeggiate.
Nella borgata potete visitare la Chiesa Parrocchiale, il Museo di Pels (l'antico mestiere dei caviè, i raccoglitori di capelli per creare parrucche famose in tutto il mondo), la bottega dei prodotti locali, oppure concedervi una pausa di relax nella SPA centro benessere appena inaugurata.

La Locanda di Elva

La locanda di Elva

Casa della Meridiana di Elva

Locanda San Pancrazio Elva

Guarda la Cucina

Guarda le Camere

Guarda il Posto Tappa